Noosoma ha l’ambizione di porsi come una voce diversa e nuova nel panorama di coloro che si occupano di salute. Per questo ha elaborato una vera e propria dichiarazione di intenti, perché la salute ha un imprescindibile impatto non solo sulla sfera individuale ma anche su quella sociale e civile.

Questo è ciò che ci caratterizza

Siamo una comunità di pensiero e condivisione per una salute poliedrica e in continua evoluzione. Chiunque può offrire il proprio contributo.
Applichiamo una medicina che non è né alternativa, né parallela, né complementare: è invece l’impegno di unificare le svariate discipline di cura senza tuttavia perdere di vista la loro specificità.
Crediamo fermamente che una umanità SANA produca benessere ad ogni livello: sociale, culturale, ambientale, produttivo ed economico. Per questo il nostro lavoro è finalizzato anche a diffondere, tra gli operatori sanitari e tra tutti coloro che si occupano a diversi livelli della cura della persona, un nuovo approccio alla salute che possa essere fulcro di un cambiamento profondo della società. Facciamo questo attraverso le nostre azioni di formazione e divulgazione.
Siamo convinti che la gestione sanitaria debba innanzi tutto cambiare l’ottica di partenza: non più lottare contro la malattia bensì comprendere il significato profondo di un sintomo e di una patologia e fare un lavoro poliedrico su quello che questi suggeriscono. Perché sintomi e malattie siano compresi è necessario che l’empatia ritorni ad essere una condizione indispensabile dell’atto di cura e del processo di guarigione.
Crediamo che alcuni aspetti del vivere, del soffrire, del gioire non siano oggettivabili e che, pertanto, il pensiero medico non possa limitarsi al mero dato di evidenza scientifica.
Riteniamo che molte discipline che lavorano per il benessere della persona siano depositarie di sapienza o esperienza e quindi siano degne di essere ufficialmente annoverate tra i possibili percorsi di cura e terapia. Per far questo è naturalmente necessario che si abbandoni il dualismo, per non dire la contrapposizione, tra medicina accademica e altri strumenti consolidati di guarigione: è più che mai urgente che ogni operatore della salute si doti di un ampio serbatoio di conoscenza al quale ogni tecnica e disciplina contribuisca secondo uno schema circolare e non gerarchico.
Siamo convinti che debba essere istituzionalizzata la nuova figura professionale di “medico competente” in grado di offrire:
-supporto al soggetto bisognoso di cure;
-orientamento a coloro che vogliono formarsi secondo il metodo Noosoma.
Tale figura di medico competente dovrà anche revisionare periodicamente i programmi di cura e di studio, raccogliere dati di ricerca.
Per approfondire: il medico competente.

In sintesi

Il progetto Noosoma (mente-corpo) nasce da un’idea di Eliana Brizio (infermiera) e Mario Frusi (medico) ed è affiancato da diversi professionisti.
Noosoma si impegna a fare continua ricerca per la complementarietà dei differenti approcci della medicina; non si pone un obiettivo di “guarigione” come fine della malattia (in termini fisici, emozionali, relazionali) bensì l’aspirazione alla qualità di vita attraverso il riconoscimento delle proprie necessità di cambiamento e l’attivazione di comportamenti concreti per poterlo conseguire.

Chi siamo?

<strong><a href='http://www.noosoma.it/mario-frusi/'>Mario Frusi</a></strong>
Il motore di Noosoma
<strong><a href='http://www.noosoma.it/eliana-brizio/'>Eliana Brizio</a></strong>
Eliana BrizioInfermiera
L’anima di Noosoma